Purè di fave come prepararlo secondo tradizione

Condividi sui tuoi social network :

Oppure si può semplicemente copiare e condividere questo URL

Purè di fave come prepararlo secondo tradizione

Caratteristiche /Features:
  • senza burro
  • Senza glutine
  • Senza Lattosio
  • senza uova
  • Vegano
  • Vegetariane
  • 3 ore più ammollo
  • Persone / Porzioni 4
  • Media difficoltà

Procedimento

Condividi
Condividi / share sui socials

Purè di fave come prepararlo secondo tradizione

Il purè di fave, o la purea di fave se ci si vuole riferire al genere femminile del termine francese, è un piatto pugliese, semplice e povero, della tradizione contadina.

In Puglia la ricetta viene tramandata da decenni di generazione in generazione seguendo le ricette di famiglia. Alcuni utilizzano rigorosamente fave secche sbucciate altri uniscono alle fave una parte di patate che dice doni più morbidezza al purè.

Purè di fave

Ingredienti per 4 persone:

350 g di fave ( 400 g senza patate)
50 g di patate sbucciate
2 foglie di alloro
1500 ml di acqua circa

 

Preparazione del purè di fave perfetto

Per preparare un purè di fave perfetto innanzi tutto bisogna mettere in ammollo le fave secche per almeno 12 ore ed in acqua fredda. Così le fave si reidrateranno e si cuoceranno in modo più uniforme.

Una volta trascorso il tempo dell’ammollo le fave si risciacquano in acqua corrente e poi si mettono in una pentola, preferibilmente di terracotta o al massimo di acciaio inox dal fondo spesso.

A questo punto bisogna versare tanta acqua che copra totalmente le fave, aggiungere due o tre foglie di alloro e se si vuole, si può aggiungere alle fave poca patata sbucciata e tagliata a pezzetti.

Si accende il fornello e si inizia a far cuocere le fave a fuoco lento. Inizialmente produrranno una bavetta bianca, questa deve essere tolta magari utilizzando una schiumarola per evitare di togliere anche l’acqua insieme alla schiuma.
Dovranno cuocere per almeno due ore e in questo tempo devono essere mescolate spesso per evitare che le fave che restano a contatto diretto con la pentola si cuociano troppo o addirittura si brucino. Le fave bruciate non si scioglierebbero mai e renderebbero il vostro purè granelloso.

Se cuocendo le fave dovessero assorbire tanta acqua ed asciugarsi si può aggiungere acqua ma calda.

Trascorse due ore le fave (ed eventuali patate) si saranno disciolte quasi totalmente. Se vi fossero ancora dei grumi potrete scegliere di aggiungere poca acqua calda e continuare a mescolare oppure potrete passare il composto al passaverdure o con il minipimer così da ottenere una crema omogenea e senza grumi.

A questo punto il vostro purè di fave è pronto per essere gustato.

 

Utilizzo del purè di fave

Tradizionalmente il purè di fave si serve accompagnato con cicorie di campo sbollentate e con abbondante olio evo magari pugliese, ma potete crearci anche ricette diverse.
Potete spalmare il purè di fave su dei crostini creando un antipasto sfizioso, potete accompagnarlo con pasta e creare un primo piatto genuino

Io ho utilizzato il purè di fave per creare dei fantastici dolci cliccate sulla descrizione per andare alla ricetta :

Ciambelle fritte con purè di fave

ciambelle fritte con purea di fave

 

Ricetta e foto ElenaPrugnoli ©copyright – tutti i diritti riservati.

Se provate le mie ricette  non esitate a condividere sulla mia pagina facebook le vostre foto le pubblicherò..

In cucina con Zia Ralù sui social entra e seguimi su :

Facebook à IN CUCINA CON ZIA RALU’

PINTEREST  cliccate qui e poi cliccate su segui

Instagram -> cliccate qui e poi su segui

TWITTER  -> cliccate qui e poi segui

(Visited 47 times, 1 visits today)

Condividi / share sui socials

Passaggi

1
Fatto

Mettete le fave in un contenitore e copritele di acqua fresca lasciatele a bagno per 12 ore.
La mattina dopo o comunque trascorse le 12 ore di ammollo risciacquate bene le fave e mettetele in una pentola di terracotta o di acciaio inox con fondo doppio.
Prendete una piccola patata e sbucciatela poi tagliatela a pezzetti ed aggiungetela alle fave nella pentola.
Riempite la pentola di acqua fino a coprire le fave e la patata, ci vorrà circa 1 litro e mezzo di acqua.

2
Fatto

Portate a bollore e poi abbassate la fiamma del fornello e fate cuocere le fave a fuoco basso per circa 2 ore. Inizialmente le fave bollendo formeranno una schiuma chiara, beh toglietela aiutandovi con una schiumarola. Mescolate spesso per evitare che le fave si brucino rimanendo troppo a contatto con il fondo della pentola.

3
Fatto

Quando le fave e la patata si saranno letteralmente sciolte avrete ottenuto il vostro purè di fave. Per renderlo ancora più vellutato con l’aiuto di un minipimer oppure potrete passarlo al passaverdure.

taralli alla curcuma e finocchio
ricette / articoli più recenti
Taralli alla curcuma e finocchio
ciambelle fritte con purea di fave
ricette/articoli meno recenti
Ciambelle fritte con purè di fave
taralli alla curcuma e finocchio
ricette / articoli più recenti
Taralli alla curcuma e finocchio
ciambelle fritte con purea di fave
ricette/articoli meno recenti
Ciambelle fritte con purè di fave

Un commento Nascondi commenti

Aggiungi il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »